Ultimo giorno in Valle d'Aosta tra Courmayeur, il Castello di Issogne & la residenza di papa Giovanni Paolo II

14:03


Eh si l' ultimo giorno trascorso in Valle d'Aosta è stato particolarmente "frenetico" perchè inizialmente il progetto era passare l'intera giornata a Courmayeur, ma percorrendo la strada interna tra le varie frazioni (cosa che abbiamo fatto in ogni nostro spostamento per poter vedere al meglio ogni singolo quadrato di paesaggio, cosa evidentemente non possibile se prendete l'autostrada), ci siamo imbattuti nel paese di Introd. Questo paese è famoso per le residenze estive in cui è stato prima papa Giovanni Paolo II e poi Benedetto XVI. Infatti come potete vedere dalle foto, abbiamo avuto l'occasione di salire la strada e vedere prima il museo dedicato a papa Giovanni Paolo II e poi una delle due residenze estive. Entrambi gli edifici abbiamo potuto vederli solo esternamente perchè aprono durante il periodo estivo, ma vi assicuro che la residenza ha un giardino enorme stupendo ed è  immersa nei boschi e nel verde e lì proverete profonda tranquillità. Poi riscendendo la strada potrete invece ammirare il Parco degli animali e il Castello d'Introd che anch'esso l'abbiamo visto soltanto esternamente perchè ora è chiuso  e apre nella stagione estiva. 



Procedendo la strada siamo incappati nel castello di Arvier, ma anch’esso ci siamo solo fermati a fotografarlo da lontano perché senno avremmo fatto tardi per arrivare a Courmayeur. Sinceramente se avessimo fatto tardi, ora con il senno di poi, non sarei per nulla dispiaciuta, perché Courmayeur sinceramente non mi è piaciuta molto, sicuramente è ricca di negozi, ma solamente negozi da ricchi e null'altro e in questa stagione più che fare shopping non potete fare altro, questa è stata la meta meno apprezzata, ma ovvio son gusti! 


Più tardi dopo aver pranzato in un area verde da picnic ed dopo aver ammirato l'immenso Monte Bianco, siamo ripartiti per l'ultima meta del nostro viaggio, l'ultimo castello: il Castello di Issogne. Questo castello avremmo dovuto visitarlo il primo giorno, ma essendosi fatto tardi ed essendo stanchi avevamo lasciato perdere, però mi aveva colpito molto, così ho deciso di ritagliarci il pomeriggio per vederlo da vicino e vi assicuro che rimarrete colpiti soprattutto dagli arredamenti presenti nelle stanze. A me ha colpito il letto a baldacchino di stoffa pregiata verde, gli affreschi alle pareti e l’insolita possibilità che aveva ogni ospite del castello, prima di andare via, di poter firmare sui muri e lasciare un messaggio. Un'altra cosa che ha reso la visita più interattiva è stata la presenza di una guida che aveva la voce uguale a Piero Pelù, di una simpatia estrema, quindi posso solo dirvi se avete tempo fateci un salto!


You Might Also Like

0 commenti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... Follow on Bloglovin

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Non sono responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.


BLOGLOVIN

Follow

INSTAGRAM